Home / Addominoplastica / Addominoplastica: Cos’è, Complicazioni, Post-Operatorio e Costi

Addominoplastica: Cos’è, Complicazioni, Post-Operatorio e Costi

L’addominoplastica consiste in un intervento di chirurgia estetica che ha come obiettivo principale quello di correggere l’addome, liberandolo dal tessuto adiposo in eccesso.

Tra le problematiche estetiche (sia di un uomo che di una donna) il rilassamento addominale rientra tra quelle più diffuse, questo perché la pelle possiede una naturale elasticità ed è dunque molto sensibile ai cambiamenti di peso dovuti ad una scorretta alimentazione, alla vita vita sedentario o alle gravidanze.

Sono tante le persone che si trovano in questa situazione: spesso essa può influire sull’aspetto psicologico, portando l’uomo o la donna ad una bassa autostima e alla convinzione di non poter condurre uno stile di vita normale, sentendosi in difetto rispetto ad altre persone in tantissime situazioni.

Addominoplastica

addominoplastica

Come porre rimedio?

Ciò che può aiutare a tonificare questa zona è sicuramente l’attività fisica: spesso però non è sufficiente perché se si sono verificati dei cambiamenti di peso notevoli e repentini, il tessuto addominale potrebbe diventare troppo adiposo e l’unica soluzione migliore sta nell’intervento plastico.

L’addominoplastica svolge proprio questa funzione, ossia asporta tutto questo eccesso fino ad ottenere un addome rassodato ma non solo: mira anche al suo modellamento ed alla correzione dei muscoli addominali, oltre che eliminare le varie smagliature.

Ovviamente, per sottoporsi a questo tipo di intervento bisogna avere un disagio reale che impedisce di vivere tranquillamente la propria vita. Se invece il paziente possiede un rilassamento addominale di lieve gravità, è sufficiente un lifting microchirurgico dell’addome.

In che cosa consiste l’intervento di addominoplastica?

C’è da dire innanzitutto che il paziente verrà sottoposto ad un’anestesia epidurale. In cosa consiste?

E’ un tipo di anestesia che viene effettuata nello spazio epidurale ossia della colonna vertebrale attraverso la somministrazione di farmaci anestetici (questa procedura viene effettuata anche per il parto cesareo).

Inoltre, il paziente verrà sedato in maniera profonda in modo tale che non risulti cosciente durante l’intervento.

A questo punto si può passare alle fasi principali ossia: liposuzione addominale, escissione della porzione cutanea, scivolamento del tessuto cutaneo addominale e bendaggio.

Liposuzione addominale: durante questa fase viene prodotto uno scollamento cutaneo che porterà all’asportazione del tessuto adiposo in eccesso.

Escissione della porzione cutanea: è in questo step che vengono effettuate tre incisioni che renderanno effettivo lo scollamento cutaneo.

Scivolamento del tessuto cutaneo addominale: questa fase prevede la sutura e dei drenaggi che consentiranno di espellere eventuali liquidi che si erano accumulati in quella zona.

Bendaggio: dopo aver richiuso in maniera accurata la zona, verranno apportate delle bende che il paziente dovrà portare per circa due settimane, insieme ad una pancera elastica che favorirà il sostegno.

La durata dell’intervento va dalle due – tre ore e molto probabilmente il paziente dovrà rimanere per un paio di giorni nella struttura ospedaliera, soprattutto perché non si tratta di un’anestesia di tipo locale ma come è stato detto in precedenza epidurale il che renderà impossibile il rapido recupero del paziente.

Post operazione addominoplastica: sintomi e regole comportamentali da seguire.

E’ molto probabile che il paziente possa accusare alcuni disagi almeno per i primi giorni che seguono l’intervento, come ad esempio senso di gonfiore, bruciore o dolore nella zona addominale.

Ma non c’è da preoccuparsi. Ciò che importa invece è attenersi ad una serie di regole comportamentali per le prime tre- quattro settimane post- operazione, onde evitare alcune complicazioni.

Ad esempio è preferibile non fumare o assumere farmaci perché potrebbero presentarsi poi rischi di emorragie o comunque questi fattori potrebbero rallentare notevolmente il processo di guarigione.

Allo stesso tempo, è bene evitare tutti i tipi di attività che richiedono sforzi fisici (gli sport a maggior ragione), perché la zona deve cicatrizzarsi al meglio e restare totalmente a riposo.

Per quanto riguarda il dormire invece, si consiglia di stare nel letto con l’addome rivolto verso l’alto e non dormire dunque a pancia in giù perché schiacciando la zona potrebbero verificarsi alcune fuoriuscite anomale di sangue o di liquidi.

Durante questo periodo si consigliano invece brevi passeggiate che possono influire positivamente soprattutto nella zona delle gambe, evitando così possibili coaguli di sangue.

Trascorse le settimane di convalescenza, si può ritornare ai ritmi standard della vita quotidiana (sempre facendo molta attenzione). La totale cicatrizzazione avverrà in maniera graduale.

E’ inoltre importante seguire un corretto regime alimentare questo perché gli sbalzi di peso potrebbero ricreare disagi nella zona addominale e questa volta in maniera peggiore, proprio perché avendo subito l’operazione risulta più sensibile.

Riguardo le cicatrici infine, risulteranno di un colore più forte all’inizio (tendenti al rosso e al rosa) ma svaniranno nel corso del tempo e si possono tranquillamente nascondere grazie agli indumenti.

Controindicazioni Addominoplastica

Si tratta di un intervento sicuro se effettuato da uno specialista in maniera accurata ma ciò non toglie che potrebbero anche insorgere alcuni problemi che possono riguardare: infezioni addominali, cucitura incorretta, emorragie o mal asportazione del tessuto adiposo.

Se si verificano conseguenze di questo tipo è bene consultare il proprio medico che vi sottoporrà ad una successiva visita in modo tale da comprendere al meglio le ragioni di queste controindicazioni.

Generalmente però, i risultati estetici sono abbastanza positivi e di conseguenza soddisfacenti per il paziente, il quale ha un ruolo fondamentale: l’aspetto psicologico di chi si sottopone ad un intervento plastico è sempre da tenere sotto controllo.

Questo perché è importante che egli si senta sicuro ed in buone mani. Il consiglio che vi diamo è quello di rivolgervi sempre a dei medici che siano competenti, a fonti accertate e a non medici considerati con esperienza “solo per sentito dire”.

Costi e Prezzi Addominoplastica

Il fattore economico è molto importante, perché in parte è da esso che si vede la serietà del lavoro chirurgico.

Se vi si presentano occasioni molto economiche valutate bene cosa c’è dietro perché un intervento di addominoplastica ha il suo costo che può arrivare anche sulle 4.000 euro.

Determinare una cifra standard è impossibile perché bisogna sempre studiare a fondo il caso: ogni paziente presenta una tipologia diversa e la difficoltà dell’intervento non è mai la stessa.

Anzi, nei casi più complessi viene richiesto di soggiornare per un paio di giorni nella struttura ospedaliera, proprio perché è necessario un controllo regolare da parte dei medici.

Vota l'articolo
[Totale: 2 Media: 4]

About Serena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *