Home / Lifting del Collo / Lifting del Collo: Intervento, Controindicazioni, Prezzi e Costi

Lifting del Collo: Intervento, Controindicazioni, Prezzi e Costi

Con il processo di invecchiamento, la pelle tende a subire diversi cedimenti. Essi possono risultare inestetici soprattutto se riguardano la zona del viso e del collo.

Lifting del Collo

lifting del collo

Il collo in particolar modo, tende a far apparire la persona molto più invecchiata, oltre a farla sembrare più robusta in quanto il collo cadente può essere anche sinonimo di “doppio mento”.

Si tratta di un disagio che influisce molto sulla psiche, portando ad una scarsa autostima di sé stessi che nei peggiori dei casi significa auto disprezzo.

Ma la fortuna è che negli ultimi anni la chirurgia estetica ha risolto tantissime problematiche del corpo umano, compresa quella del collo.

Grazie al lifting, si può andare a rassodare questa parte, migliorando così in maniera notevole l’aspetto della persona.

Anestesia Lifting Collo

Quale tipo di anestesia viene effettuata con il lifting del collo? Sebbene fino a pochi anni fa il lifting del collo prevedeva l’anestesia generale, oggi c’è la possibilità di effettuare l’anestesia di tipo locale che garantirà non solo un intervento più rapido ma si avrà la possibilità di ritornare alla propria abitazione qualche ora successiva all’intervento.

Senza contare il fatto che il paziente non accuserà alcun tipo di dolore durante la procedura e non sarà vigile. L’anestesia locale però, verrà accompagnata da una sedazione profonda.

Si tratta di un’innovazione che ha degli effetti molto positivi, anche perché consente all’individuo un ottimo processo di guarigione.

Regole da seguire prima dell’intervento.

E’ bene precisare che non tutti possono effettuare un intervento del genere. Per poter constatare l’idoneità del paziente, il medico lo sottoporrà (prima dell’intervento) ad una serie di esami clinici che dovranno certificare il suo ottimo stato di salute (come ad esempio gli esami del sangue o della pressione).

Allo stesso tempo, non bisognerà sottovalutare lo stato psicologico del paziente, in modo tale da comprendere il tipo di disagio e le intenzioni che si nascondono dietro il desiderio di operarsi.

Il medico deve dunque accertarsi che il paziente sia idoneo non solo da un punto di vista fisico ma anche psichico. Superato questo step, si potrà accedere all’intervento.

Si consiglia infine di smettere di fumare e di assumere farmaci (da una settimana circa prima dell’operazione) perché potrebbero interferire con il processo di guarigione.

Il momento dell’intervento: cosa accade?

Una volta che il paziente sarà giunto nella struttura ospedaliera a digiuno, dovrà sottoporsi (come è stato detto poco fa) ad anestesia locale accompagnata da sedazione profonda.

Grazie alle nuove metodologie, la cute non viene assolutamente stirata mediante delle incisioni cutanee (come invece accade per il lifting facciale), ma tramite l’energia laser.

Questo dunque esclude i punti di sutura e il bendaggio: gli accessi cutanei verranno semplicemente richiusi attraverso dei cerotti, che verranno poi tolti alcuni giorni dopo l’intervento (solo con il consenso del medico).

Post Intervento Lifting del Collo

Post intervento: Il lifting del collo come la maggior parte degli interventi non è da sottovalutare: proprio per questo motivo il paziente riceverà un foglio dove vengono indicate diverse regole comportamentali alle quali egli dovrà attenersi.

Questa procedura avviene nel momento in cui l’individuo sarà dimesso dalla struttura ospedaliera.

E’ importantissimo seguire queste regole in modo che si potrà ottimizzare il processo di guarigione.
Se si accusa un senso di dolenzia o gonfiore non bisogna allarmarsi: si può rimediare a questo problema grazie a dei massaggi nell’area interessata in modo da incentivare i tempi di ripresa.

Il periodo di convalescenza ha la durata di circa una settimana: il soggetto potrà poi tornare a condurre la sua normale vita quotidiana, senza ovviamente strafare. Ma quali sono le principali regole da seguire? Innanzitutto, data la presenza dei cerotti, si consiglia di indossare per qualche giorno un supporto contenitivo elastico.

Si richiede inoltre di evitare (nei primi giorni successivi al lifting) importanti movimenti mimici, evitando sforzi o comunque attività (gli sport in questi giorni di convalescenza vanno assolutamente sospesi) che potrebbero portare ad un aumento notevole della pressione sanguigna e dunque alla vasodilatazione locale.

Allo stesso tempo si consiglia vivamente di non esporsi al sole per almeno due settimane successive all’intervento. Infine, è importantissimo smettere di fumare e non assumere farmaci (salvo prescrizione del medico) perché potrebbero portare ad una serie di controindicazioni.

Quali possono essere le controindicazioni?

Il lifting del collo rappresenta uno degli interventi più sicuri ed è dunque raro che possano verificarsi delle complicanze.

Ma come in ogni intervento, esse vanno sempre citate perché pur trattandosi di una percentuale minima, il paziente deve sempre essere a conoscenza di ogni tipo di eventualità.

Ad esempio, se si violano le regole comportamentali (citate nel paragrafo precedente) è molto probabile che si assista ad un’alterazione della circolazione sanguigna.

Infatti, chi soffre di seri problemi di pressione, viene altamente sconsigliato per questa tipologia di intervento. L’altra possibile controindicazione riguarda le infezioni.

In questa eventualità, il medico sarà tenuto a prescrivere degli antibiotici che aiuteranno il paziente a curare l’area interessata in tempi rapidi. Questo fa chiaramente intendere che è importantissimo saper scegliere con cura a chi affidarsi, in modo tale da evitare spiacevoli conseguenze.

In Italia è presente tantissima concorrenza in questo campo ed allo stesso tempo non tutti possiedono le giuste capacità. Bisogna sempre diffidare da chi promette un buon lifting del collo a poco prezzo: è preferibile optare su una procedura dal costo più elevato ma che porti ad un successo assicurato.

Un’ultima possibile controindicazione riguarda l’insorgimento di lividi post- intervento: si tratta però di un effetto normalissimo che scomparirà nel giro di una settimana e che potrà essere tranquillamente nascosto grazie al make up o all’utilizzo di una sciarpa (possibilmente larga in modo da non creare disagi alla zona operata).

Quali sono le considerazioni della gente in seguito all’intervento?

Secondo diverse statistiche, la maggior parte della gente che si sottopone ad un intervento di lifting al collo si dichiara pienamente soddisfatta, affermando di aver riscontrato diversi miglioramenti nella vita di tutti i giorni, che riguardano in particolar modo l’aspetto psicologico, più che quello fisico.

Ad esempio, guardandosi allo specchio ci si sente più felici ed in pace con sé stessi: di conseguenza vedendosi più belli si percepisce un maggior senso di accettazione nella sfera sociale.

Vota l'articolo
[Totale: 1 Media: 3]

About Serena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *