Home / Otoplastica / Otoplastica: Quali sono i rischi di un intervento di Otoplastica

Otoplastica: Quali sono i rischi di un intervento di Otoplastica

L’otoplastica è un’operazione di chirurgia estetica che ha come obiettivo principale quello di correggere alcune malformazioni delle orecchie come ad esempio le cosiddette orecchie a sventola.
L’operazione consiste in una sorta di rimodellamento della cartilagine di entrambi i padiglioni auricolari, situati nell’orecchio esterno ossia quella parte dell’orecchio visibile a occhio nudo.

Otoplastica

otoplastica rischi intervento

In che età viene effettuata questa procedura?
Non c’è un’età precisa ma solitamente si consiglia di operare già dai 4-14 anni di vita, in modo tale che venga ottimizzata la durata del percorso di guarigione ed allo stesso tempo si va ad evitare probabili disagi psicologici ai bambini (come ad esempio l’esclusione sociale dovuta a questo tipo di malformazione). Inoltre, lo sviluppo adolescenziale non interferirà minimamente sulla nuova struttura dell’orecchio.
Non bisogna temere questo tipo di intervento, in quanto ha quasi sempre un riscontro positivo.
E’ chiaro però, che come la maggior parte delle operazioni si può assistere ad una serie di probabili complicanze.

Vediamone alcune:
Infezioni: esse possono svilupparsi nella fase di incisione. Si può rimediare al problema tranquillamente con una cura di antibiotici. L’importante è non trascurarla perché potrebbe comportare successivamente una serie di malformazioni del padiglione auricolare.
Problemi con le suture: se si presenta questo problema si prevede la rimozione delle cuciture, che sarà comunque un procedimento indolore.
Insoddisfazione per l’intervento: può capitare che il paziente sia deluso dall’intervento, il quale non ha rispecchiato le sue aspettative.
Coagulo sanguigno: non si tratta di una complicazione grave ma bisogna comunque rimuoverla per evitare spiacevoli conseguenze.
Cicatrici: è probabile che insorgano dopo l’incisione. Ma proprio per evitare questo tipo di controindicazione è stato introdotto un nuovo tipo di otoplastica, chiamato otoplastica incisionless, ossia senza incisione. Questo tipo di intervento viene realizzato applicando delle suture interne tramite l’uso di un ago che andranno a ridurre le deformità delle orecchie. Si tratta semplicemente di applicare cuciture correttive permanenti. In questo modo si vanno ad eliminare eventuali complicanze ed allo stesso tempo l’intervento dura pochissimo (circa un’ora), permettendo al paziente di ritornare al suo stile di vita abitudinario dopo circa 48 ore.

L’intervento classico di otoplastica invece, prevede una serie di controlli ed esami clinici da effettuare in precedenza, in modo tale da evitare alcune eventuali allergie o complicanze causate da uno stato di salute a rischio. Questi esami riguardano anche le malattie di cui si è sofferto in passato, dell’eventuale assunzione di farmaci o comunque di problemi legati all’udito.

Se l’esito risulta positivo, si procede anche con dei controlli di tipo psicologico, per capire al meglio la situazione mentale del paziente, comprese le sue intenzioni e i motivi che lo spingono ad effettuare questo intervento (se sono appunto basati su un disagio concreto o si tratta soltanto di un’esagerazione del problema).
Prima dell’intervento di otoplastica è bene attenersi ad alcune regole, come ad esempio smettere di fumare e di assumere farmaci che potrebbero portare ad una serie di controindicazioni durante e dopo l’intervento, rallentando allo stesso tempo il processo di guarigione.

Intervento:
Si procede innanzitutto con l’anestesia di tipo locale, il che consentirà al paziente di non essere vigile ma sarà in grado di riprendersi rapidamente al termine dell’intervento.
Dopodiché si passa all’incisione, che consiste in un taglio verticale nella parte posteriore del padiglione auricolare. Qui il chirurgo può rimodellare l’orecchio in base a come è stato stabilito a inizio intervento. Il processo di rimodellamento può prevedere asportazioni di materiale cartilagineo o riposizionamenti. Le modifiche applicate vengono saldate grazie a delle suture interne, le quali non vengono più rimosse, tranne nel caso dovessero insorgere delle complicazioni.

Al termine dell’incisione si passa alla fase successiva ossia il bendaggio. Viene definito bendaggio protettivo ed è importante che sia mantenuto fisso per qualche giorno per poi essere sostituito da uno un po’ più leggero. Si consiglia di attenersi a delle regole post operazione come ad esempio:

– Cercare di dormire in una posizione corretta, onde evitare lo “schiacciamento” di quella zona o comunque eventuali complicazioni.
– Come è stato accennato in precedenza, è bene smettere di fumare e di assumere farmaci almeno nel periodo pre- intervento e post intervento, per facilitare una rapida cicatrizzazione della zona ed evitare l’insorgimento di emorragie.
– Mantenere una corretta igiene, cercando di isolare la zona coperta da possibili infezioni. Non bagnare la zona, fin quando non si è ancora rimarginata completamente.

Il dolore post-operatorio:
Nel caso dovesse avvertire del dolore o un senso di formicolio in quella zona subito dopo l’operazione non vi dovete affatto preoccupare perché è normale dopo un intervento di otoplastica.
Se il fastidio vi sembra eccessivo, rivolgetevi al medico che vi potrà prescrivere dei medicinali appositi (visto che in teoria è vietato il loro uso dopo l’operazione) che avranno principalmente una funzione anti infiammatoria. La situazione si stabilizzerà nel giro di pochi giorni ma se non si verificano miglioramenti in termini di sintomi è bene effettuare un controllo specializzato.

Periodo di convalescenza:
I tempi di ripresa sono soggettivi: anche se il tipo di intervento è uguale, bisogna sempre considerare la tipologia nel dettaglio ed il fatto che ogni essere umano reagisce in maniera differente.
Solitamente però, se si tratta di un adulto, è sufficiente una decina di giorni di convalescenza. Trascorsi questi giorni, salvo eventuali complicanze si può tornare tranquillamente a lavoro. Se si effettuano sport estremi è bene abbandonarli per almeno un mese.
Nel caso di un bambino invece, si consiglia di restare a casa per almeno due settimane circa, onde evitare possibili incidenti che potrebbero verificarsi ad esempio in ambito scolastico.

Costi di un intervento di otoplastica:
I prezzi possono variare a seconda della tipologia dell’intervento.
Solitamente però si parla di 2,500-3,000 euro circa se l’operazione è stata effettuata ad entrambe le orecchie e di 1,500- 2000 euro circa se si tratta di uno solo.
Inoltre è importante tenere a mente che se si vogliono ottenere i risultati sperati non bisogna sottovalutare la situazione: anche se l’intervento di otoplastica è uno dei più sicuri, è bene rivolgersi a dei medici che abbiano eccellenti competenze ed allo stesso tempo, siano in grado di farvi sentire a proprio agio.

Vota l'articolo
[Totale: 2 Media: 3.5]

About Serena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *